arrow-right cart chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up close menu minus play plus search share user email pinterest facebook instagram snapchat tumblr twitter vimeo youtube subscribe dogecoin dwolla forbrugsforeningen litecoin amazon_payments american_express bitcoin cirrus discover fancy interac jcb master paypal stripe visa diners_club dankort maestro trash

Minima Blog

Zero waste = Vegan


Cosa c'entrano veganismo e antispecismo con la filosofia zero waste?

Tutto.
Zero waste = Vegan

di Minima Shop

April 27, 2020


Minima Blog

Zero waste = Vegan


Cosa c'entrano veganismo e antispecismo con la filosofia zero waste?

Tutto.

di Minima Shop

April 27, 2020


Zero waste = Vegan

Il veganismo e l'antispecismo sono due cose diverse ma per semplicità possiamo dire che il veganismo si basa sull'antispecismo e che quest'ultima è una filosofia che sostiene che non ci debba essere discriminazione fra le diverse specie perché ogni animale, umano e non, ha il diritto di vivere senza essere brutalizzato, schiavizzato e sfruttato da un’altra specie.

Veganismo non è quindi solo una dieta, si estende a tanti altri ambiti (abbigliamento ad esempio) ma decidere di non mangiare animali è sicuramente una delle prima conseguenza del veganismo.

Se la questione della sofferenza animale può non essere prioritaria per alcuni, chi si interessa alla filosofia zero waste lo fa presumibilmente perché interessato alle sorti di questo pianeta e quindi alla propria sopravvivenza di essere umano.

E se lo è, non può sottrarsi dal prendere in considerazione il fatto che mangiare animali e quindi finanziare l'industria dell'allevamento è la scelta meno sostenibile che possa compiere perché:

- gli allevamenti intensivi sono responsabili di circa il 20% delle emissioni di gas serra tra cui protossido d'azoto e metano derivanti dalla fermentazione enteriche delle vacche (rutti e peti)

- la ragione principale per cui la foresta Amazzonica, come tante altre, sta scomparendo è per far spazio ad allevamenti intensivi di vacche la cui carne viene importata soprattutto dall'Europa per fare le sue eccellenze (la bresaola ad esempio), e per la coltivazione di soia per i mangimi.
Meno foresta significa anche meno capacità di trattenere la c02.

- produrre carne (anche pesce!) non è efficiente: prende il 77% delle terre agricole e produce il 17% del fabbisogno calorico globale, richiede un'enorme quantità di acqua (burger manzo 2350 lt, burger vegetale 164,5 lt)

Non lo dicono i vegani, lo dice la FAO, l'ONU e finalmente nel 2020 lo dicono anche le associazioni ambientaliste: tra tutte le cose che si possono fare ogni giorno per ridurre il proprio impatto, quella più a portata di mano ed efficiente è diventare (un po' più) vegan, ora.

0 commenti


Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Carrello