arrow-right cart chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up close menu minus play plus search share user email pinterest facebook instagram snapchat tumblr twitter vimeo youtube subscribe dogecoin dwolla forbrugsforeningen litecoin amazon_payments american_express bitcoin cirrus discover fancy interac jcb master paypal stripe visa diners_club dankort maestro trash

Minima Blog

Qual è la differenza tra biodegradabile e compostabile?


Qualcosa di compostabile è sicuramente biodegradabile ma qualcosa di biodegradabile non è per forza compostabile.
Qual è la differenza tra biodegradabile e compostabile?

Minima Shop

May 13, 2020


Minima Blog

Qual è la differenza tra biodegradabile e compostabile?


Qualcosa di compostabile è sicuramente biodegradabile ma qualcosa di biodegradabile non è per forza compostabile.

Minima Shop

May 13, 2020


Qual è la differenza tra biodegradabile e compostabile?

L’impatto ambientale di un materiale è legato al tempo che ci mette a biodegradarsi.

Anche la plastica si degrada, ma ci mette centinaia di anni a farlo, e nel mentre emette sostanze tossiche.

Biodegradabile


La biodegradazione è il processo attraverso il quale un materiale polimerico si decompone per azione di organismi viventi come batteri e funghi e di altre condizioni come l’esposizione ad agenti naturali (acqua, luce). Il materiale si scompone negli elementi costitutivi come CO2, metano, acqua, biomassa. Lungo il processo vengono rilasciate sostanze, in alcuni casi innocue in altri no.

La velocità di questo processo è dovuta all’ambiente dove si trova il materiale cioè acqua, terra, impianto di compostaggio industriale o domestico, discarica e dalle variabili quali presenza di microrganismi, ossigeno, umidità, temperatura.

Lo standard europeo EN 13432 dice che qualcosa è considerato biodegradabile se si degrada per il 90% in 6 mesi.

Compostabile


Compostabile invece è un termine che si rifà ai requisiti di disintegrabilità di un materiale, cioè la sua capacità di frammentarsi e non essere visibile nel compost finale insieme ad altri rifiuti organici.

Lo standard in Italia si chiama UNI EN 13432:2002 e dice che qualcosa è compostabile (sempre in impianto di compostaggio industriale) se:

- è biodegradabile
- si disintegra almeno del 90% in peso, in frammenti inferiori a 2 mm, in 3 mesi
- non ha effetti negativi sul compostaggio
- non ha effetti negativi sul compost finale

La compostabilità è certificata da enti certificatori che appongono il loro marchio, come TUV Austria.

compostabile certificazioni

Esistono altre certificazioni per il compostaggio fuori dall'impianto industriale, quindi nel compost domestico oppure in acqua e nel suolo. 

compostabile certificazioni 

 

 

0 commenti


Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Related Products

Kit di coltivazione con vaso compostabile - semi di basilico
Prezzo originale
€4,50

Kit di coltivazione con vaso compostabile - basilico


Prezzo unitario translation missing: it.general.accessibility.unit_price_separator

Carrello