arrow-right cart chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up close menu minus play plus search share user email pinterest facebook instagram snapchat tumblr twitter vimeo youtube subscribe dogecoin dwolla forbrugsforeningen litecoin amazon_payments american_express bitcoin cirrus discover fancy interac jcb master paypal stripe visa diners_club dankort maestro trash

Minima Blog

Il cotone è un materiale sostenibile?


Il cotone è "naturale" e si biodegrada, per questo può sembrare meno impattante sull'ambiente, perché da consumatori si tende a concentrarsi unicamente su due fasi del ciclo di vita di un oggetto, cioè l'uso e lo smaltimento.
Il cotone è un materiale sostenibile?

di Minima Shop

May 13, 2020


Minima Blog

Il cotone è un materiale sostenibile?


Il cotone è "naturale" e si biodegrada, per questo può sembrare meno impattante sull'ambiente, perché da consumatori si tende a concentrarsi unicamente su due fasi del ciclo di vita di un oggetto, cioè l'uso e lo smaltimento.

di Minima Shop

May 13, 2020


Il cotone è un materiale sostenibile?

Se già si guarda alla fase della produzione, cioè alla coltivazione del cotone, le cose si fanno più complesse.
Innanzitutto più della metà di tutto il cotone è prodotto in Cina e India, seguono USA, Pakistan, Brasile e Uzbekistan.

Impatto ambientale del cotone

La coltivazione del cotone usa tra il 15% e il 25% di tutti i pesticidi usati al mondo.
All'uso di pesticidi sono associati:
- la contaminazione dell'acqua potabile, dei fiumi e delle falde acquifere
- l'avvelenamento di pesci, organismi acquatici e la perdita di biodiversità
- la persistenza nei suoli e il loro impoverimento
- l'avvelenamento degli animali selvatici e del bestiame
- la diminuzione degli insetti impollinatori (api)

Tra le possibili conseguenze sulla salute dell'uomo, in primis dei lavoratori, ci sono l'avvelenamento, malattie croniche e cancro.

La coltivazione di cotone emette gas serra, perché i macchinari utilizzano combustibili fossili ma anche perché il terreno trattato con fertilizzanti e pesticidi rilascia ossido nitroso e non riesce più ad assorbire l’anidride carbonica dall’atmosfera.

Un altro punto dolente è l'uso dell'acqua: la metà delle coltivazioni di cotone al mondo utilizza metodi di irrigazione per aumentare la produttività. Significa estrazione di enormi quantità d'acqua da fiumi e laghi che se non viene reintegrata porta all'esaurimento delle acque (vedi disastro ambientale del lago di Aral).

Impatto sociale ed economico del cotone

Il mercato è dominato da pochi colossi che dettano il prezzo del cotone, i paesi del terzo mondo che non riescono a rimanere competitivi rispetto quelli industrializzati (che hanno dalla loro la tecnologia) vanno incontro a indebitamento e impoverimento, che si portano dietro a loro volta negazione dei diritti dei lavoratori e sfruttamento del lavoro minorile.

Il cotone biologico può essere una soluzione? In che modo?

0 commenti


Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Carrello