arrow-right cart chevron-down chevron-left chevron-right chevron-up close menu minus play plus search share user email pinterest facebook instagram snapchat tumblr twitter vimeo youtube subscribe dogecoin dwolla forbrugsforeningen litecoin amazon_payments american_express bitcoin cirrus discover fancy interac jcb master paypal stripe visa diners_club dankort maestro trash

Minima Blog

Guida breve alle protezioni solari ecologiche


Le protezioni solari tradizionali danneggiano l'ecosistema acquatico. Come scegliere un'alternativa più ecologica per proteggersi dal sole?
Guida breve alle protezioni solari ecologiche

di Minima Shop

June 21, 2020


Minima Blog

Guida breve alle protezioni solari ecologiche


Le protezioni solari tradizionali danneggiano l'ecosistema acquatico. Come scegliere un'alternativa più ecologica per proteggersi dal sole?

di Minima Shop

June 21, 2020


Guida breve alle protezioni solari ecologiche

Il problema dei filtri solari chimici

Negli ultimi anni, l'evidenza dell'impatto negativo dei filtri solari chimici sull'ambiente marino, ha portato al divieto di vendita e uso in diversi stati come Hawaii, Florida (Key West), Isole Vergini americane, Palau e Aruba.

Sappiamo ormai che sostanzecome l'ossibenzone, contenute in creme e spray solari tra i più diffusi e utilizzati, rendono i coralli più vulnerabili agli attacchi dei virus, pregiudicando la loro capacità di ripresa ai fenomeni di sbiancamento. Altre sostanze agiscono come interferenti endocrini e modificatori genetici sui pesci, sui ricci di mare, sui molluschi e sulle alghe.

Le barriere coralline più vulnerabili ai danni della protezione solare sono quelle che si trovano in zone altamente trafficate e senza molto ricambio idrico, come barriere coralline costiere o atolli. Ciò non toglie che la tossicità di alcuni ingredienti riguarda anche chi non vive in quelle zone e non prevede di andarci a breve a fare snorkeling, perché le creme vengono lavate via nel momento in cui si entra in acqua o ci si fa la doccia, e in questo modo si disperdono nell'ambiente e si fanno strada fino agli oceani.

Come scegliere una protezione solare ecologica

Fermo restando che nessuna protezione solare può dirsi sicura al 100% per la vita marina, che cosa bisogna cercare in una protezione solare per garantire che sia più ecocompatibile rispetto a un'altra (oltre a proteggerci dai raggi UV e UVA)?

Minerali
I primi ingredienti dovrebbero essere ossido di zinco non nano e/o biossido di titanio non nano, cioè due filtri fisici che fanno da scudo e riflettono i raggi solari. Le particelle "nano", cioè sotto i cento nanometri sono da evitare in quanto possono penetrare nei coralli più facilmente.

No ossibenzone
Questo comune ingrediente anti-UV indebolisce i coralli e li rende più attaccabili dai virus, di conseguenza rende molto più ardua la ripresa della barriera corallina dopo un fenomeno di sbiancamento.

Resistenza all'acqua
La crema solare va spalmata nuovamente dopo ogni bagno proprio perché a contatto con l'acqua viene lavata via. Più una crema solare è resistente all'acqua, meno si dissolverà nell'ambiente acquatico inquinandolo (vale anche per una crema con un filtro minerale e non chimico).

Lozione, no spray: lo spray è più facile che si disperda sulla sabbia, nella terra e quindi finisca in acqua. La lozione da questo punto di vista è più sicura.

No parabeni: questi conservanti sono deleteri per i coralli, li indeboliscono e rendono più vulnerabili allo sbiancamento.

No ottinoxato, ottocrylene, triclosan, acido para-aminobenzoico (noto come PABA), canfora e microplastiche (per gli stessi motivi dell'ossibenzone).

No confezioni di plastica: anche il contenitore fa la sua parte, è preferibile evitare tubi e tubetti in plastica e scegliere latta o metallo, riciclabili e riutilizzabili.

0 commenti


Lascia un commento

I commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Carrello